La prigione grande quanto un paese

La prigione grande quanto un paese

di Marco Drago

La vera storia di un surreale viaggio nella Repubblica Democratica Tedesca un anno prima della caduta del muro di Berlino. Uno studente universitario italiano decide di andare a perfezionare il tedesco a Magdeburgo lasciando in Italia un'idolatrata fidanzata e si iscrive a un corso estivo grazie ai servizi offerti da un misterioso ufficio genovese legato al governo della Ddr. L'ambientazione del libro è quella di molti college novel: un campus universitario in cui sesso e droga sono consumati in allegria e incoscienza, con la differenza che si parla di un campus d'oltrecortina, popolato di ragazze e ragazzi provenienti da tutto il mondo, compresa quella parte di mondo all'epoca ancora largamente sconosciuta agli occidentali. Il confronto con una donna slovacca lì incontrata e il furto del passaporto al momento del ritorno in Italia costringono lo studente a cambiare idea sulle grandi questioni della politica e della vita in generale.