«Senza fratellanza non è libertà». Pacifico Valussi e la rivoluzione veneziana del Quarantotto

«Senza fratellanza non è libertà». Pacifico Valussi e la rivoluzione veneziana del Quarantotto

di Fabio Tafuro

Democratico e repubblicano, almeno sino a quando durò l'esperienza del Quarantotto, Pacifico Valussi (1813-1893) pubblicò a Venezia, nel corso della rivoluzione, numerosi articoli dai quali risulta l'originalità del suo pensiero nel panorama dell'Italia risorgimentale. Dedicò ampio spazio al dibattito sulla Costituente italiana e all'analisi delle posizioni di Pio IX rispetto alla guerra per l'indipendenza, tentando di conciliare l'esigenza di una radicale riforma politica con il ruolo centrale che riconosceva al cattolicesimo.

Valussi sostenne la necessità di legare il progresso materiale a una contemporanea rigenerazione morale della società, da ottenersi attraverso un'opera educatrice delle masse popolari.