Il Federiciano 2017. Libro blu

Il Federiciano 2017. Libro blu

"Tutti gli altri poeti, che non raggiungeranno mai la fama dei grandi, dovrebbero essere sempre tesi alle sollecitazioni esterne, per riportarle su carta e farle diventare il diario dell'anima. Ecco: la poesia, oggi, dovrebbe essere il diario dell'anima. A coloro che hanno intenzione di avvicinarsi alla scrittura in versi, consiglierei di tenere un diario in cui raccontare di se stessi, di ciò che conoscono e caratterizza il loro vivere, e non dei problemi degli altri, delle opinioni sui temi più in voga... E poi leggere, leggere, leggere. Leggere in sé stessi e leggere gli altri poeti, quelli che sono arrivati prima di loro. [...] Un giornalista mi ha definito 'missionario di poesia', un'espressione di cui vado fiero, perché interpreta esattamente quello che intendo fare e ho sempre fatto in tutti questi anni: diffondere la poesia in prima persona. Farla conoscere e amare." (Dalla prefazione di Alessandro Quasimodo)