La caduta della pecora nera

La caduta della pecora nera

di Giovanni Ferraro

Figlio di emigranti che lasciarono la propria terra con la classica valigia di cartone per andare a cercare fortuna nel ricco profondo nord, la vita di Giuppy era stata decisa fin dalla nascita. Una vita normale, regolare, forse noiosa. Ma Giuppy un giorno dice no!! Non vuole, quella vita sicura ma monotona, senza rischi e senza avventura. Sfida la famiglia e le convenzioni borghesi, rischia tutto per inseguire un sogno che realizzerà ma che troppo in fretta svanirà sfuggendogli di mano. Dopo la caduta, abbandonato da tutti, compreso dalla sua donna e dalla famiglia l'uomo si ritrova da un giorno all'altro letteralmente in mezzo ad una strada, solo e quasi senza più un soldo. Dinanzi a lui 2 scelte: omologarsi e piegarsi alle ipocrite leggi sociali o continuare a sognare contro ogni evidenza e combattere contro tutto e tutti per riprendersi il sogno svanito.

Mosso da una fede incrollabile che un giorno avrà una seconda possibilità' egli non fa altro che aspettare nella solitudine e nell'immobilismo l'occasione d'oro dilapidando nel vizio i pochi soldi che gli sono rimasti. Finché un giorno busserà alla sua porta l'amore e quando tutto sembrava ormai perso...